Archivio Tag | michele Giardino

L’Italia e la Compagnia di Gesù

Caro Direttore, dopo aver letto il tuo ampio editoriale e qualche giornale (registrando un primo, incoraggiante scongelamento delle capacità di analisi di molte firme grandi, medie e piccole), rilevo tra l’altro che tra i padri veri o presunti di un Esecutivo ben diverso sia dal precedente( e anche dai pregressi), rilevo, salvo errore, l’assenza di […]

Leggi e Commenta › ›

The day after. Per tutti

Il giorno dopo Da ieri sera sappiamo che il Cav. lascerà presto Palazzo Chigi: non certo la politica. Sono decine le note su cosa accadrà ora e sulle priorità, che ciascuno indica secondo convenienza o esprimendo aspettative a volte nobili, altre meno. Vedremo. Ma una cosa è certa: la priorità assoluta è quella delle quotazioni […]

Leggi e Commenta › ›

Bonsai italiano

La scena è una grande città del Sud, già dinamica e piena di iniziative entro i limiti consentiti dall’ambiente, ma ora sede di soporifere kermesse gastronomico-musicali e di colore locale, in attesa di qualcosa che la faccia ripartire, ma con risorse provenienti come d’uso dall’esterno, meglio se “da Roma”, da porre, s’intende, sotto controllo strettamente […]

Leggi e Commenta › ›

Vi racconto chi è Visco

Chissà se lo ha detto davvero, come riportano le cronache. Ma chi lo conosce sa che ad Ignazio Visco sarebbe venuto naturale rispondere al Presidente del Consiglio che lo incontrava per la prima volta, e verosimilmente poneva domande per capire chi aveva appena scelto come Governatore: “Noi siamo Civil servants”. Enunciando un semplice quanto impegnativo […]

Leggi e Commenta › ›

Ma a chi parla D’Alema?

Massimo D’Alema puoi ammirarlo e sostenerlo Oppure criticarlo, avversarlo, magari detestarlo. Ma non puoi ignorare posizioni come quelle che traspaiono dall’intervista di domenica scorsa a Dario Di Vico del Corriere, su alcuni dei temi della complessa realtà italiana. La prima risposta è sulla maggioranza del “dopo Berlusconi”, che secondo D’Alema per essere sicura deve riunire […]

Leggi e Commenta › ›

L’addio di Draghi. E la nostra confusione

Il quasi ex Governatore Mario Draghi. presentando ieri il Convegno internazionale di storici, economisti e studiosi di scienze sociali organizzato dalla Banca d’Italia per i 150 anni dell’Unità, ha pronunziato un breve discorso, forse l’ultimo nell’attuale veste, che merita un’attenta lettura per varie ragioni, due in particolare. La prima è il cambiamento nella tonalità del […]

Leggi e Commenta › ›

Bankitalia: una notizia ci sarebbe…

…nella sempre più incredibile vicenda della sostituzione di Draghi alla Banca d’Italia. Una notizia ci sarebbe: ma non è quella che un “terzo uomo” in effetti sarebbe stato individuato. E non è nemmeno quella che si tratterebbe di Giuliano Amato. Il quale, ben prima di arrivare ad assistere da vicino il Bettino Craxi del PSI […]

Leggi e Commenta › ›

Caro Giardino, e come la mettiamo con l’autoreferenzialità di cui è accusato palazzo Koch?

Molti lettori dell’articolo di Michele Giardino “Nomina di un Governatura” hanno obiettato: “Un governatore scelto solo dall’interno, non è sintomo di una autoreferenzialità che oggi appare assolutamente ingiustificata?” Giro l’obiezione all’autore. Ecco la sua risposta. GCS Anch’io sono contro ogni autoreferenzialità. Ma a partire da quella dei (nostri) politici. I quali, una volta eletti, si […]

Leggi e Commenta › ›

Nomina di un Governatore

​ Ma al furbissimo riccone che è ancora a capo di un Governo incredibile in virtù dell’ostinazione di un Parlamento ancora più incredibile, non potrebbe qualche giurista (piuttosto che i suoi avvocati, meglio qualcuno di quelli illustri di tanto in tanto riservatamente ospitati alla sua mensa), magari con l’aiuto dell’onnipresente Gentiluomo di Sua Santità, spiegare […]

Leggi e Commenta › ›
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.