Archivio Tag | Maria Grazia Enardu

Egitto. La sfinge e i gattopardi

Le tensioni in Egitto, le lamentele per una transizione lenta, macchinosa e in cui i militari vogliono un ruolo garantito, i timori per elezioni finalmente libere sono esplosi di colpo venerdì, facendo ancora di piazza Tahrir il terreno di scontro tra il vecchio e il nuovo. Lo scorso febbraio, il vecchio era Mubarak, il nuovo […]

Leggi e Commenta › ›

A proposito della risatina Merkel Sarkozy…

…ricevo e volentieri pubblico. “Right or wrong, is my country”. Frase di decoroso e rigoroso patriottismo, di autore americano, che circola in questi giorni di umiliazione italica. Dobbiamo indignarci per la risatina di Merkel e Sarkozy? O ridacchiare anche noi? Dobbiamo avere un giusto filo di patriottismo, e quindi deprecare chi ci caccia in situazioni […]

Leggi e Commenta › ›

C’è sharia e sharia

Poche parole, in occidente, hanno un effetto panno rosso superiore al temine islamista. E anche una parola affine, islamico, crea immediato risentimento. Le elezioni in Tunisia sono state vinte da un partito che si definisce moderatamente islamico, pardon islamista, e già la parola sharia circola velenosa. E ancora di più riguardo alla Libia, dove un […]

Leggi e Commenta › ›

Shalit costa caro: mille palestinesi

Dopo anni di mediazione egiziana e dopo la più recente mediazione tedesca, si ha notizia di una riunione straordinaria del governo di Israele, stasera, per discutere un possibile accordo che porti alla liberazione di Shalit, prigioniero a Gaza dal giugno del 2006 e che nemmeno con l’operazione Piombo Fuso Israele ha potuto liberare. La notizia […]

Leggi e Commenta › ›

Egitto: emigrazione per i copti. Nè esodo né tantomeno fuga.

L’Egitto non è un paese etnicamente o religiosamente complicato come molti altri icini arabi, anzi è etnicamente uniforme. Religiosamente, al 90% di una stragrande maggioranza musulmana si affianca un 10% massimo di cristiani, copti. Che sono assolutamente indigeni (copto vuol dire egiziano), tradizionalmente poco distinguibili dai vicini musulmani, in un paese che non ha una […]

Leggi e Commenta › ›

Codice Netanyahu

Il discorso che il primo ministro di Israele ha tenuto all’ONU è stato abile, e ben recitato. Non è possibile farne un’analisi senza essere pignoli e noiosi ma un elemento va sottolineato: conteneva un messaggio letteralmente in codice, che poteva essere compreso solo da chi ha un minimo di familiarità con il mondo ebraico. Netanyahu […]

Leggi e Commenta › ›

Finalmente: che la festa cominci per uno ‘stato’…

La 65a sessione dell’Assemblea Generale dell’ONU che si è aperta il 14 settembre, con una programma assai denso, è una sessione speciale, nei contenuti e nell’attenzione che desta. Ufficialmente il piatto forte delle discussioni è la questione del riconoscimento della Palestina come qualcosa di più del semplice soggetto osservatore, come è dal 1975. I palestinesi […]

Leggi e Commenta › ›

Erdogan: un turco alla porta degli arabi

Il Primo ministro turco, Recep Erdogan, ha appena concluso il suo giro di visite arabe, iniziato in Egitto, poi Tunisia e Libia. E’ un’iniziativa importante, a modo suo dirompente, ma gli effetti andranno valutati nel tempo e soprattutto dipenderanno da come la Turchia saprà gestire una situazione fluida, instabile, piena di promesse e trabocchetti, come […]

Leggi e Commenta › ›
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.