Da non perdere: Iacoponi é uno dei pochi che se ne intende…..e se lui dice che la piattaforma dei Casaleggio è insicura, non segreta e manipolabile c’è da credergli. Scelto da Giancarlo Santalmassi

1. Ovviamente, tutti sanno che la piattaforma non è una piattaforma, è un semplice sito, molto insicuro e obsoleto, hackerato almeno due volte e sanzionato altrettante (50 mila euro di multa a Casaleggio) dall’Authority italiana su dati e privacy
2. Piccolo spoiler: le cose interessanti arriveranno alla fine. All’inizio vi ricordo solo cose scontate e di background.
3. Le sanzioni, modeste nelle somme, sono molto gravi nei due profili di infrazione : 1 potenziale manipolabilità dei voti. 2 potenziale riconducibilità dei voti ai votanti.
3 bis. Dal punto di vista forense, Stefano Zanero vi spiegherebbe meglio cosa significa. Comunque io, per sbrigarci, vi riassumo che Rousseau è:
insicura
non segreta
manipolabile

4. Ma facciamo un gioco. Volete giocare?
5. Ok. Facciamo come se i punti fin qui esposti non esistessero. Significa che mi sdraio totalmente sulla prospettiva di Casaleggio. Faccio come se fossi in un talk show italiano. Prendo la piattaforma come se fosse trasparente e certificata da ente terzo. Ci state?
6. Mistero grosso su Rousseau è sempre stato: quanti sono gli iscritti che votano?
Allora: gli iscritti sono passati dagli oltre 135 mila di ottobre 2016 ai 150 mila dichiarato ad agosto 2017. Ad agosto 2018 il numero dichiarato da Casaleggio era sceso a 100 mila

Che significa?
rousseau il sistema operativo

7. Beh, significa che in questi anni, poiché nessuno poteva controllare, hanno dato i numeri.

Il 2 agosto 2017, Davide Casaleggio disse alla Stampa Estera che contava di arrivare in un anno a un milione di iscritti. L’anno dopo, dichiarava iscritti scesi a 100mila ?
8. Veniamo alle cose succulente. Gli ultimi due voti davvero importanti sono stati: il via libera al governo M5S con la Lega. E il salvataggio di Salvini da un grave processo.

Ricordate? Molto bene. Ma non credo ricordiate tutto
9. Anche il voto per il governo M5S con la Lega, passò da Rousseau. Con una piccola decisiva differenza.

La piattaforma di Casaleggio disse sì a Salvini 12 giorni prima dell’incarico a Conte. Voto su Rousseau il 18 maggio, incarico il 31.
rousseau voto sul processo a salvini 4

Qui sotto traduco

10. Casaleggio e Di Maio non imposero allora al Quirinale di essere sotto-ordinato a Rousseau. Fecero il loro voto, è SOLO DOPO dissero a Mattarella che dicevano sì a Salvini.

Salvini non rischiò di essere fottuto a sorpresa. E il Quirinale fu il luogo supremo, non scavalcato
11. Ok dai, non vi vedo abbastanza preoccupati. Vediamo i risultati delle due ultime decisive consultazioni.

Dei votanti su Rousseau (44.796 persone; di solito è questo l’ordine numerico di grandezza che vota) il 94% disse sì alla Lega (42.274 persone). Dissero di no solo 2.522

12. Persino in un voto davvero contrario a tutto il giustizialismo grillini, quello sul processo a Salvini, Rousseau salvò Salvini, con buon margine:
il 59% (30.948 iscritti) scelse di concedere l’immunità al ministro dell’Interno. Mentre 21.469 (40,95%) votarono no

salvini conte
SALVINI CONTE

13. Erano due voti ALTAMENTE “POLITICI”. è questa è la “base elettorale attiva” (quei 50-60 mila che votano, dei 100mila iscritti) su Rousseau: gente che – se scordiamo i primi punti del mio thread – sopporta benissimo la Lega, semmai odia il Pd

14. Non so come andrà a finire. So solo com’è andata fino ad oggi.

Ah, mi sono appena ricordato che ci sono i punti da 1 a 3: è una piattaforma privata di un’associazione privata di Davide Casaleggio su server privati mai controllati da ente terzo.

Dal profilo Twitter di Jacopo Iacoboni

Commenti chiusi.
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.