Anche il Fondo Monetario Internazionale disapprova il reddito di cittadinanza – di Giancarlo Santalmassi

Dura critica del Fondo Monetario Internazionale alle misure del governo italiano. L’Fmi invita l’esecutivo a “valutare la transizione dal Rei al reddito di cittadinanza” tenuto conto che “vista la forte evasione fiscale e le dimensioni dell’economia sommersa, sarà necessaria una grande attenzione per garantire” la corretta destinazione degli incentivi. Nel documento si ricorda come al Reddito sia destinata una quota pari allo 0,5% del Pil, ma si segnala anche i pericoli, legati a un elevato livello di partecipazione, ma anche al fatto che alcuni beneficiari potrebbero cercare di combinare i benefici con il lavoro in nero. Senza contare che un forte impatto sul reddito “con benefici generosi, potrebbe anche spingere i lavoratori a basso reddito a smettere di cercare un’occupazione” con una ricaduta “nella trappola della povertà”. Con una dotazione di 2 miliardi l’anno (lo 0,1% del Pil italiano), scrive il Fondo, “I finanziamenti al Reddito di inclusione erano inadeguati”. Al contrario “i 780 euro del reddito di cittadinanza sono generosi” visto che un livello mensile di benefici “che risponda alle esigenze minime senza causare dipendenza da welfare” si attesterebbe fra i 325 e 568 euro.

Commenti chiusi.
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.