Grazie, Andrea Marcenaro: grande il tuo Andrea’s version sul Foglio di oggi – Giancarlo Santalmassi

Perfino una cazzatiella come questa rubrichetta, votata alle scemenze, avverte il dovere di una qualche serietà, quando il
contesto è diventato tale da mettere in dubbio l’unità sostanziale della nazione. Ora si rischia. E non si possono non riconsiderare le proprie comode posizioni, quando si rischia. Abbiamo quindi riflet- tuto, sui nostri avversari. Abbiamo cercato di vedere sotto una luce diversa dal solito chi non la pensa come noi. Abbiamo ripensato alla facilità con cui, anche qui, sono stati espressi giudizi indispettiti a proposito di chi ha scelto di votare diversamente da come avremmo desiderato. E di quel popolo che andrebbe rispettato sempre, ciò che non sempre è stato fatto. Abbiamo guardato con fatica, ma con spirito nuovo, i concittadini nostri che liberamente scelsero la Lega o i Cinque stelle. E vogliamo, per questo, dividere con voi i primi frutti del nostro lungo, ma sincero, ragionare su di essi: sono delle vere merde.

Andrea Marcenaro – il Foglio

4 Commenti a Grazie, Andrea Marcenaro: grande il tuo Andrea’s version sul Foglio di oggi – Giancarlo Santalmassi

  1. Laura F. 26 agosto 2018 at 18:17 #

    Non conto nulla, ma condivido.

  2. Paolo Furbacchione 26 agosto 2018 at 21:14 #

    Articolo degno di quella merda di giornale che è il foglio.

    • Giampiero S. 30 agosto 2018 at 18:34 #

      Capre sono e capre rimarranno, anche dopo il default

  3. andrea dolci 27 agosto 2018 at 15:24 #

    Va bene come articolo satirico ma prima di urlare contro la calata dei barbari rifletterei sul fatto che moltissimi di quello che oggi votano Lega e. M5S, sino a ieri votavano PD e Forza Italia.
    Erano baluba mascherati o forse qualcosa è cambiato ?
    Per ora di sicure “merde” vedo solo dei politicanti che quotidianamente prendono per i fondeli i propri elettori a livelli che neanche Berlusconi e Renzi si sarebbero mai sognati.
    Vedo anche una informazione che continua imperterrita nell’antico vizio di fare propaganda anziché informazione, che gioca con i numeri per fare opinione, che solletica lo stomaco del proprio zoccolo duro e che lavora attivamente per cancellare ogni propria residua credibilità. Oggi raccogliamo i frutti di anni di demenziali campagne di stampa (Repubblica e Saviano non mollano nenche adesso) in cui si sono sistematicamente nascosti i mali del paese per far credere che fosse solo un problema di persone o di fazioni.
    Anch’io sono stomacato dal disprezzo dello Stato di Diritto, dal complottismo, dal montante razzismo e dal disprezzo per chiunque dissenta ma, o aveva ragione Gobetti e allora facciamocene una ragione o forse dovremmo chiederci i motivi di questa deriva e capire come metterci mano.
    Di certo, dare dei bifolchi a chi vota Lega e M5S serve solo a garantirne la permanenza a Palazzo Chigi per i prossimi 20 anni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.