Cattivissimo pensiero – di Giancarlo Santalmassi

 

La nave Diciotti è in viaggio verso il porto di Catania con 937 migranti a bordo e due cadaveri. Dovrebbe approdare in giornata.

È italiana.

Salvini le farà la guerra.

3 Commenti a Cattivissimo pensiero – di Giancarlo Santalmassi

  1. andrea dolci 12 giugno 2018 at 11:10 #

    Egregio Direttore, in virtù della stima che ho nei suoi confronti vorrei avere un parere da parte sua su come affrontare il problema. Le fonti di intelligence ci dicono no che attualmente in Libia ci sono per ora circa 400.000 migranti pronti per il viaggio della speranza. Le statistiche ci dicono che grosso modo 30-40.000 sono a norma del diritto internazionale qualificabili come rifugiati e perciò (teoricamente) distribuibili in Europa mentre i rimanenti 360-370.000, stante la blindatura dei confini e il Trattato di Dublino, sono una questione puramente italiana. Dato che non è credibile per mille motivi gestire da soli quel volume di immigrati, come potremmo coinvolgere i partner europei ?
    Non crede che la presa di posizione dura e la successiva apertura spagnola possa essere d’aiuto nel far capire ad altri paesi europei che una emergenza umanitaria di queste proporzioni richiede il coinvolgimento di tutti?

  2. Giancarlo Santalmassi 13 giugno 2018 at 16:09 #

    Caro Andrea, se c’è un concetto in cui l’Europa dovrebbe realizzarsi è l’immigrazione. Finora s’è fatta solo la moneta europea e la libera circolazione delle persone. Ci vogliono generazioni di giovani (attenzione: siamo un continente di stravecchi) che non cambiano più le monete nazionali e girano senza passaporto per rendere l’Europa come la conosciamo oggi gli ‘Stati Uniti d’Europa’. Le migrazioni possono aiutare a rendere l’Europa piu compatta di oggi. Forse non si è ancora compreso che firmare il trattato di Maastricht ha significato sottoscrivere una cessione di sovranità.

    • andrea dolci 13 giugno 2018 at 16:53 #

      Ammiro il suo ottimismo, sia sull’Europa che sulle migrazioni. Io, nonostante abbia qualche anno di meno di lei non riesco ad immaginare un futuro con gli Stati Uniti d’Europa. Vorrei tanto un Governo a Bruxelles in grado di dare risposte europee alle istanze dei cittadinini europei e del mondo che sta intorno all’Europa. Vedo invece tanti stati con interessi spesso divergenti guidati da governi che hanno ridotto l’Europa ad una sorta di ring dove ognuno difende i propri interessi spesso a discapito dei partner con l’aggravante che ora ci sono paesi come USA, Cina e Russia che di fatto tifano per il dissolvimento della UE.
      Spero di sbagliarmi e leggere domani che a partire da Francia e Germania sono arrivati segnali di una accelerazione nei processi di integrazione ma, per ora, resto del’opinione che l’Euro e la spartizione del bilancio UE, siano rimasti i due sottili fili che tengono ancora inseme i 28 paesi.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.