Autostrade: ricevo e volentieri pubblico

Che I contratti di concessione autostradale fossero segretati è cosa ben nota da tempo, era stato scritto tre anni fa in vari articoli, e c’è piuttosto da domandarsi come mai il Corriere si sia finalmente svegliato. Il pretesto sarebbe il segreto industriale, ma di che? Sciocchezze. Nei contratti non c’è scritto praticamente nulla. Il problema sono gli allegati con cui si calcolano le tariffe, scritti per far tornare i conti tra Gavio e Autostrade e assicurare guadagni indecenti ad entrambi a spese degli utenti.
Che Lunardi, Matteoli e Lupi facessero il gioco di Benetton e compagnia non stupiva. Che Delrio abbia permesso questo aumento delle tariffe non è nemmeno uno scandalo, è una schifezza. Nella struttura che calcola le tariffe delle autostrade al Ministero da anni e fino a tre mesi fa c’era chi era già stato responsabile della vigilanza sulle concessionarie all’Anas, e ora Delrio ci ha messo uno dei pupilli di Balducci. Che dire?
Ragazzi su lavoce.info è stato…bravissimo.
E Cantone qualche tempo fa sull’argomento del segreto industriale delle concessioni autostradali ha glissato….
C’era stata una interrogazione dei 5Stelle.

Purtroppo siamo un paese che il peggio se lo merita.

 

Lettera firmata

Commenti chiusi.
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.