Berlusconi: oggi succede che….

di Domenico Cacopardo

Oggi, tutto può accadere, tranne che sia avviata la crisi di governo: dalla ‘ribellione’ di ottobre non è più nelle disponibilità del leader di Forza Italia-Pdl.
È un saggio di alta abilità tattica, lo spettacolo messo in scena da Angelino Alfano nelle ultime settimane. Null’altro vi è di certo sull’evolversi della situazione, a parte la non discutibile circostanza che Silvio Berlusconi sarà estromesso dal Senato, probabilmente mercoledì 27 novembre 2013, al massimo una settimana dopo, e che, in futuro, per un periodo abbastanza prolungato non potrà candidarsi a nessuna carica elettiva.
Rimangono incerti il modo e i tempi del suo abbandono della vita politica diretta.
Sul tavolo c’è un’eredità politica pesante.
Difficilmente, dopo, ci sarà un centro-destra come l’abbiamo conosciuto in questi vent’anni. Mancherà l’autocrate che l’ha inventato e condotto, con alterni risultati, attraverso mille battaglie politiche ed elettorali. Mancheranno le sue capacità di comunicazione, le sue televisioni, i suoi soldi.
Sarà tutto diverso quindi e non è un male per la qualità della democrazia italiana.
Un partito moderato sì, ci sarà, ma con numeri diversi da quelli cui ci ha abituato il cavaliere. Nonostante ciò, c’è da mantenere in piedi un imponente pacchetto di relazioni e di capacità, un vasto insediamento in organi elettivi, aziende pubbliche e sindacato. Per essere l’erede di tutto ciò, Alfano ha dispiegato tutta la sapienza della scuola democristiana cui s’è formato (con Enrico Letta): dichiarare sempre la fedeltà al capo; mai un gesto di rottura, ma una marcia consapevole per l’allontanamento dalle follie della caduta; forti legami con l’azione di governo, rivendicandone l’efficacia; richiamare sempre gli interessi dell’Italia e del medesimo centro-destra.
Molti amici storici di Berlusconi comprendono i pericoli di una rottura e di un divorzio con i sentimenti del Paese e cercano di dissuaderlo dalla tentazione del gesto eclatante, nel quale alla fine ritroverebbe ben pochi tra gli attuali falchi.
Intanto, Alfano va avanti, rimanendo fermo o quasi e giovandosi dell’intelligente appoggio di Enrico Letta: non c’è un prendere o lasciare, un’«ora o mai più». C’è una serie di passi politici, parlamentari e giudiziari che si snoderà in modo ineluttabile, trascinando il leader di Forza Italia sul piano inclinato della decadenza, di altre condanne, del possibile arresto e, infine, dell’insignificanza.
Forti problemi emergono anche dal contesto familiare, preoccupato dalla salvaguardia delle aziende e delle ragioni dei figli, divisi dalle loro attese patrimoniali molto di più di quel che appare.
Non serve a nulla accelerare il processo di dissoluzione. Basta aspettare pazientemente: il padre-padrone, privato della patria potestà, sarà portato dalla corrente della Storia fuori dalla vista degli italiani.
Angelino Alfano e i suoi amici potranno allora respirare e far politica.
Spazi, nonostante tutto, tra Renzi, Letta e i puri e duri del Pd ce ne sono a volontà. Basta saperli occupare.

,

Commenti chiusi.
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.