A ciascuno i suoi saggi

di Gianmarco Mensi

Frau Merkel ha 5 consiglieri permanenti, detti “i saggi”, che l’aiutano in materia economica. Questi illustri signori hanno molto peso sia sull’opinione pubblica tedesca che sulle prese di posizioni ufficiali di Berlino. Domenica due dei saggi hanno raccomandato l’adozione di una tassa patrimoniale per tutte le nazioni indebitate della periferia, in quanto la ricchezza media delle famiglie meridionali sarebbe superiore a quella del Nord Europa. Dichiarazioni di questo tipo sono difficili da giustificare se non per fini prettamente elettorali: è come se i saggi del presidente Napolitano avessero concluso le loro deliberazioni raccomandando l’immediata introduzione degli Eurobonds e la federalizzazione del debito in Europa. Resta comunque un fatto incontrovertibile: il blocco teutonico si sta irrigidendo, sia nella retorica che nei fatti. L’austerity ad oltranza viene imposta come unica soluzione possibile ai problemi della periferia, che ha completamente perso l’iniziativa politica ed è incapace di reagire per l’impasse politico che attanaglia l’Italia. Per il bene dell’Unione, Bruxelles non può essere lasciata nelle mani dell’asse tedesco-olandese-finlandese ancora per molto.

,

4 Commenti a A ciascuno i suoi saggi

  1. andrea dolci 16 Aprile 2013 at 11:33 #

    Se in campo c’è una sola squadra, difficile che la partita abbia anche solo inizio.

  2. Bull 16 Aprile 2013 at 15:22 #

    Giusto. Io proporrei invece un aumento indiscriminato dei debiti dei paesi già indebitati, una riduzione dei controlli (così l’economia “gira”, come dice b.) sugli appalti e sulle spese pubbliche.
    Poi i debiti ce li facciamo pagare dai tedeschi, che saranno felici di farlo.
    Perchè la colpa è tutta della Merkel, vero? E’ lei che ha generato il debito pubblico italiano, si sa.Se in tutto il mondo la gente compra Mercedes, BMW e Audi anzichè Fiat la colpa è della Merkel, vero?

  3. andrea dolci 16 Aprile 2013 at 17:12 #

    @Gianmarco Mensi: e’ per caso in grado di spiegarmi il motivo metodologico per cui i “saggi” hanno preso il valore mediano della ricchezza pro capite e non quello medio ?
    Grazie

  4. andrea franceschi 16 Aprile 2013 at 18:25 #

    ciao gianmarco. sentiamoci. andrea (ex abnamro)

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.