Cattivissimo pensiero

Umberto Bossi: “Non sono un imbroglione….neppure con le donne. Alla fine ho sposato la Manuela”. Affermazione fatta nel pieno delle polemiche sulla generosità di Berlusconi con le ragazze, rivelate dalle nuove carte arrivate alla commissione per le autorizzazioni a procedere. Ma Umberto, alla Manuela, di Luisa Corna che le avrà mai detto?

4 Commenti a Cattivissimo pensiero

  1. Francesca 27 Gennaio 2011 at 07:31 #

    AHAHAHAH!!
    si, so tutta la storia di quando gli venne lo sciopone per via dell'overdose di viagra che lui voleva emulare il silvio!!!
    lo scrisse anche Pietro Citati lo scorso anno su Repubblica quando nottetempo portarono il trombone di Gemonio in una clinica svizzera.
    Dopo hanno istituito un cordone sanitario a prova di bomba!
    in un altro Paese uno cosi sarebbe al cronicario…. da noi fa il ministro e viene ossequiato come una mente sopraffina.
    che ridere!

  2. Domenico Cacopardo 27 Gennaio 2011 at 10:37 #

    Caro Giancarlo, a parte lo squallore di Berlusconi, c'è qualche reato nelle carte arrivate ieri, in tempo per la macelleria Santoro? Credo che Bocassini&C; sapessero bene che non solo la Giunta per le autorizzazioni a procedere avrebbe bocciato la loro richiesta, ma essendo lettori di codice sapessero altresì che il processo immediato era improcedibile: infatti, il reato di prostituzione minorile ha una pena tabellare superiore ai tre anni e la concussione è il reato del pubblico ufficiale in questo caso presidente del consiglio e, quindi, è reato ministeriale di pertinenza del tribunale dei ministri. Quindi, poiché non immagino errori così elementari, ritengo che si tratti di un processo postmoderno extragiudiziario già celebrato con tanti saluti al c…dello Stato di diritto e di ogni dottrina liberaldemocratica.
    Come è indecente Berlusconi a Palazzo Chigi così è inaccettabile questa specie di stato etico deciso da qualche pm. Lo sputtanamento di persone che non hanno commesso reati continua e continua anche per la complicità di tanti giornali 'benpensanti'. In un paese civile questa violazione delle persone è punita dalla legge.
    a

  3. gianpiero 27 Gennaio 2011 at 16:15 #

    Ciao Giancarlo, forse ha raccontato che lui di Corna non se ne intende, del resto sarà stata una scappatella occasionale, un peccatuccio da niente, come quello che fu attribuito al portavoce di Fini, il dottor Sottile se non sbaglio. Qui il fatto è un po' diverso, perchè la megalomania di Mister B lo rende tale. C'è bisogno di una macchina organizzativa per fare di quelle cose, come fosse una catena di montaggio, passano 5 minuti e "avanti la prossima". Maggiorenni, minorenni poco importa, cittadine di un paese dove nel privato si diventa nulla, l'euivalente del peso di 10 banconote da 500 euro quando va bene. Pochi grammi, tutti distribuiti tra seni e fianchi. Veda, signor Cacopardo, quando si fanno le guerre, è impossibile che entrambe le parti giochino correttamente dall'inizio alla fine. Quando saremo diventati un paese civile non sarà certo perchè avremo imparato a punire pm e giornalisti, ma perchè avremo fatto prima tante altre cose, compreso il mettere a fuoco il concetto di civiltà. A quel punto potremo anche concederci il privilegio di punire i pm che abusano del loro potere. Un saluto a tutti.

  4. Francesca 27 Gennaio 2011 at 23:14 #

    STANDIG OVATION per Gianpiero!
    E come mai il Sig. Cacopardo non trova invece quanto meno strano che il Ministro degli Esteri accolga un'interrogazione parlamentare esibendo attestati di autenticità su carte che nessuna procura ha richiesto e che gli sono state recapitate a mezzo corriere?
    Ben ha fatto Italo Bocchino a parlare di mandante per Mr. B(ean), di manovale per Lavitola e di fattorino per Frattini!

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.