Monti dixit: “La sera che Di Maio dal balcone annunciò l’abolizione della povertà Tria si finse morto perché non lo pugnalassero oltre” – di Pietro Senaldi

Al suo tavolo di lavoro all’università Bocconi, della quale è presidente dal 1994, Mario Monti risulta molto più alla mano di quanto non appaia in tv. A tavola poi, non c’ è traccia della sua proverbiale rigidità, e per amor di compagnia condivide con l’ospite un bicchiere di vino anche nel pranzo del giorno feriale. […]

Leggi e Commenta › ›

Parla Klaus Schwab fondatore del World Economic Forum: se l’economia globale frena non sarà una locomotiva a salvarci – di Marco Zatterin

  Il problema dell’economia globale è che «potremmo ritrovarci senza una locomotiva in grado di trascinarci fuori da una stagnazione». Klaus Schwab arriva alla conclusione con un ragionamento semplice, dopo aver rilevato che «per la prima volta abbiamo assistito a una ripresa globale sincronizzata», perché la crescita è stata simultanea in ogni parte del mondo. […]

Leggi e Commenta › ›

Giovanni Tria, che aspetti a dimetterti? – di Ernesto Auci

Le voci si susseguono superando ogni formale smentita: il ministro dell’Economia Giovanni Tria è stufo di essere considerato irrilevante dai due caporioni che guidano l’attuale Governo. Il premier Conte che fino ad un certo punto era sembrato attento ai ragionamenti del professore, ha improvvisamente deciso di metterlo da parte e trattare direttamente con Bruxelles sperando […]

Leggi e Commenta › ›

E siamo preda anche di sovranismo psichico: per il Censis siamo diventati tutti più cattivi – di Giancarlo Santalmassi

Ansa Un sovranismo psichico, prima di quello politico, come risultato della cattiveria che gli italiani provano, per riscattarsi dalla delusione per la mancata ripresa economica, e che spesso rivolgono contro gli stranieri. E’ la diagnosi impietosa della situazione sociale italiana, come risulta dal 52/o rapporto Censis che ha analizzato la società italiana. All’origine del sentimento c’è […]

Leggi e Commenta › ›

E c’è un censimento ancora della Tv (uno ancora sogna di diventare divo) – di Stefano Balassone

Non appena Berlusconi ne colse e costruì l’occasione, l’audience nazionale della tv, che fino agli anni ’70 era giocoforza unificata dal monopolio Rai, fu lesta a scindersi in due parti dotate di identità e costanza di comportamenti (i fedeli della Rai e quelli di Mediaset, al di là delle fluttuazioni episodiche riguardanti alcuni programmi di […]

Leggi e Commenta › ›

C’è un censimento del Censis (uno vale un divo) – di Giancarlo Santalmassi

Ansa Internet e social network continuano la loro corsa inarrestabile, con questi mezzi di disintermediazione “il soggetto è diventato il protagonista centrale, con la conseguente rottura del meccanismo di fascinazione esercitata dalle celebrità. Nell’era biomediatica, in cui uno vale un divo, siamo tutti divi. O nessuno, in realtà, lo è più”. Sono alcune considerazioni contenute […]

Leggi e Commenta › ›

C’era una volta la Danimarca, faro di democrazia: oggi si ispira a Salvini – di Stefano Micossi

Il governo di centrodestra vuole confinare i migranti su un’isoletta C’era una volta la democratica e socialdemocratica Danimarca, faro universale dei diritti umani, della tolleranza e dell’integrazione. Sentite un po’ che cosa si sta immaginando la coalizione di centro destra ed estrema destra che oggi governa il paese. Vogliono trasferire gli immigrati meno graditi – […]

Leggi e Commenta › ›

Non perdetevi questa critica giustamente impietosa all’economia di questo governo di Mario Deaglio

Un pericoloso gioco di specchi È giusto non avere pregiudizi nei confronti di forze nuove che giungono al potere con un ampio consenso popolare e non si può non nutrire simpatia per l’obiettivo di ridurre la povertà e rilanciare lo sviluppo. Quando però si riscontrano in continuazione incertezze, contraddizioni ed errori, è legittimo domandarsi se non siamo […]

Leggi e Commenta › ›

Carlo Calenda nel paese dei cachi – di Stefano Balassone

Conosciamo persone (il barista, lo studente, il fruttivendolo, etc) di pessimo umore per tasse, affitti, lavori ingrati, lavori mancanti, lavori vagheggiati, ma inafferrabili. Carlo Calenda nel suo libro (“Orizzonti Selvaggi”, Feltrinelli) ne spiega la ragione di fondo: lo sviluppo dei Paesi ex poveri che ha sottratto/sconvolto molti mestieri e molte certezze del ceto medio di […]

Leggi e Commenta › ›

Caro Emiliano, meglio tardi che mai – di Giancarlo Santalmassi

Per ragioni legate al mio ruolo di magistrato, sia pure in aspettativa per mandato elettorale, devo comunicare la mia decisione, dolorosa ma inevitabile, di non rinnovare l’iscrizione al Pd, in ossequio alla recente sentenza della Corte Costituzionale in materia». È quanto comunica Michele Emiliano, governatore della Puglia, ex sindaco di Bari e magistrato in aspettativa […]

Leggi e Commenta › ›
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.