Archivio Tag | Memoria

Per non dimenticare, mai – di Giancarlo Santalmassi

Repubblica.it “Come potrei temere la morte dopo tutto quello che ho visto qui?”. Nelle sue lettere dall’inferno in terra, il campo di concentramento di Auschwitz, Marcel Nadjari racconta. Lui, un ebreo greco, si trovava nel lager come deportato, insieme ai genitori e alla sorella Nelli, che morirono poco dopo il loro ingresso. I suoi testi, per oltre 70 […]

Leggi e Commenta › ›

Amarcord – di Giancarlo Santalmassi

C’era una volta Ostia: oggi più Chicago che Miami Ne ho ricordi straordinari. Mia madre mi portava nel tratto di spiaggia libera presso il Villaggio dei pescatori (qualche rete ‘a bilancia’ sull’omonimo canale) tra la Lega Navale e la Vecchia Pineta, lo stabilimento dove Mussolini si recava per fare mare mentre d’inverno andava al Terminillo. Era […]

Leggi e Commenta › ›

Cattivissimo pensiero

Lo stabilimento “Punta Canna” è pieno di cartelli con immagini di Benito Mussolini, di saluti romani con sotto scritto “Se non ti piace, me ne frego”. Il cartello all’ingresso del parcheggio parla subito chiaro. “Zona antidemocratica e a regime. Non rompete i coglioni”. Ma è niente rispetto a quello che si vedrà e si sentirà […]

Leggi e Commenta › ›

Parigi, ieri l’altro

La differenza tra Te e Me di Giorgio Caroli Io sono una bottiglia di vino vuota bevuta di nascosto da un cameriere algerino mentre due presidenti discutono di niente a bocca asciutta due stanze più in là. Io sono la pallottola di un Lebel sparata a Verdun nel 1916. Ho ucciso un uomo tedesco, e […]

Leggi e Commenta › ›

Incapiente chi?

Chi di rivede…. Radiocor – Milano, 3 Novembre. Dal bilancio sui primi 9 mesi di Intesa Sanpaolo rispunta la vicenda Imi Sir. Per la banca ha voluto dire un incasso, in qualche modo inaspettato, di 210 milioni di euro, 149 milioni dopo le tasse. La vicenda risale agli anni Novanta quando, a causa di una […]

Leggi e Commenta › ›

Ebola? È come un Aids col turbo

di Maria Grazia Enardu Sono almeno dieci anni che si parla di Ebola, virus scoperto già nel 1976. Uccide quasi sempre, si sopravvive solo con molta fortuna e adeguate cure di sostegno. Esiste almeno un vaccino, molto sperimentale, non usato ancora sul campo. Per anni lo abbiamo ignorato, ogni tanto spariva, comunque era in Africa […]

Leggi e Commenta › ›

E non vogliamo fare presto? – 1

di Michele Nicoletti Trent’anni fa, il 30 novembre 1983, si insediava la commissione parlamentare per le riforme istituzionali presieduta da Aldo Bozzi. A rileggerne oggi i resoconti e la relazione finale si avverte un sentimento ambivalente: da un lato, un senso di ammirazione per la grande chiarezza con cui in quella sede si individuarono i […]

Leggi e Commenta › ›

Priebke, una giusta fine e una domanda

La salma di Erich Priebke, capitano delle SS e boia delle Fosse Ardeatine, è sepolta in Italia nel cimitero in disuso di un carcere. La tomba è identificata da un numero sulla croce di cui sono a conoscenza solo i familiari. A rivelarlo è Repubblica, in un articolo del direttore Ezio Mauro. Il quotidiano pubblica […]

Leggi e Commenta › ›

In un paese che si chiama Paese…accade che…

di Manlio Brusatin Passo per caso nella strada che dal mio paese va a Treviso e vedo una villetta, una delle tante villette venete che hanno quasi totalmente occupato la campagna, accanto alle fabbrichette. L’effetto è che sia stata oggetto di un evento semi-creativo: è ornata con vistosi splash di vernice rossa e gialla. Ma […]

Leggi e Commenta › ›

Eppure nel 1994 qualcuno lo aveva detto

“L’Italia di Berlusconi finirà male, malissimo, nella vergogna e nella corruzione. E sarà stato inutile avere ragione”. Chi fu così lucido era uno intelligente, troppo, giornalista e scrittore. Indro Montanelli. Che del resto conosceva bene Berlusconi. Fondò ‘il Giornale’ e quando lo comprò lui (pardon, il fratello Paolo), da uomo libero e lungimirante scappò a […]

Leggi e Commenta › ›
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.