Archivio Tag | Malcostume

Orrori d’Italia

Andate a vedere il video delle nomadi che a Follonica alcuni dipendenti del supermercato Lidle (subito dissociatosi) hanno messo nei cassonetti, chiudensole come allo zoo e fortunatamente filmandole con l’audio, precostituendo così una prova a proprio carico. È agghiacciante. Mancano solo le ciminiere e i forni crematori. Che vergogna!

Leggi e Commenta › ›

Società degli orrori

MICCOLI CHOC: ‘QUEL FANGO DI FALCONE’ “Fabrizio Miccoli va radiato”. Così il ministro della Funzione pubblica Gianpiero D’Alia commenta duramente le “vergognose” parole dell’ex capitano del Palermo su Giovanni Falcone. “Miccoli non può continuare a giocare perché ha tradito la fiducia di migliaia di tifosi che in lui, capitano del Palermo, hanno visto un esempio […]

Leggi e Commenta › ›

Sempre più giù

La crisi ha peggiorato la situazione, ma il punto di partenza già non era dei migliori. L’Italia scende ancora nella classifica stilata ogni anno da Transparency International che “misura” il livello di corruzione nei Paesi di tutto il mondo. Perde tre posizioni il nostro Paese, passando dal 69mo al 72mo posto. Sorte quasi equivalente, e […]

Leggi e Commenta › ›

Una storia da ‘vero gentiluomo’, tutto d’un pezzo

di Gian Antonio Stella «Viva il ponte!». «Abbasso il ponte!» Quando il senatore Gianpiero D’Alia, capogruppo dell’Udc al Senato, cambiò di colpo idea sul ponte sullo Stretto diventando più talebano degli ambientalisti, i messinesi ci restarono secchi: questa poi! Sorpresa: aveva comprato a prezzo stracciato una villa sul mare dove dovrebbe sorgere uno dei giganteschi […]

Leggi e Commenta › ›

Siamo tutti cavie e vittime della cupidigia?

C’era un sorta di tariffario per ricompensare i medici che mettevano i pazienti sotto terapia di Omnitrope (un ormone della crescita biosimilare): secondo quanto hanno scoperto le indagini dei Nas di Bologna, ad esempio, un informatore farmaceutico della Sandoz ha corrisposto ad un ”medico operante presso il Reparto di Endocrinologia del Policlinico San Matteo di […]

Leggi e Commenta › ›

L’avreste mai immaginato?

Arresti domiciliari per Sandro Gambelli, capo della protezione civile a Genova nell’ambito dell’inchiesta sull’alluvione del 4 novembre 2011 durante la quale morirono sei persone. E’ accusato di falso aggravato. Indagati anche Gianfranco Del Ponte, “braccio operativo” della Protezione civile e Pierpaolo Cha, dirigente dell’ufficio Città sicura e hazard manager del comune. Secondo gli investigatori, la […]

Leggi e Commenta › ›

Quando la cresta è democratica

di Marco Chiocci Qui ballano miliardi di euro, altro che Fiorito o Finmeccanica. A Siena procede in gran silenzio un’inchiesta delicatissima sul Monte dei Paschi a cui, stranamente, nessuno mostra interesse. Eppure il filone portato avanti da tre pubblici ministeri e dal nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza sull’acquisizione di Antonveneta nel 2007, […]

Leggi e Commenta › ›

Finché abbiamo una banca….

di Walter Galbiati «Tutto quello che è Camera deve essere girato a me». Antonio Cannalire, braccio destro di Massimo Ponzellini quando era il presidente della Banca Popolare di Milano non aveva un ruolo preciso in banca. Ma dalle telefonate intercettate nell’ambito dell’inchiesta della procura di Milano sui “finanziamenti facili” della Bpm, emerge come uno dei […]

Leggi e Commenta › ›

Non c’è proprio niente da fare: siamo proprio così

Doveva essere, secondo alcuni, l’alternativa comunale «buona» ad Equitalia. Ma in realtà non si è rivelata tale. L’amministratore di fatto della «Tributi Italia spa», società concessionaria per la riscossione dei tributi in oltre 400 comuni, è stato infatti arrestato dalla Guardia di Finanza che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Chiavari. […]

Leggi e Commenta › ›
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.