2018: che inizio…..di Giancarlo Santalmassi

Le contraddizioni della società del 2018 stanno emergendo tumultuosamente e irresistibilmente. Se sfoglio i giornali dopo il silenzio del primo dell’anno leggo.
In Venezuela un militare ubriaco dell’affamatore Maduro ha sparato su una fila di venezuelani in attesa di ritirare il premio della lotteria di Stato. In palio? Una serie di mezzi prosciutti. Ha ucciso una donna incinta che non voleva rinunciare a un premio che avrebbe sfamato tutta la famiglia.

Giubilo per i giovani iraniani che stanno manifestando contro il carovita in Iran. Le proteste cominciate a Mashad, citta’ di un candidato sconfitto (forse con brogli) da Rouhani. Grandi speranze, ma che tutto non sconfini in una primavera araba. Non sarebbe stato meglio conservare l’accordo tra Usa e Iran voluto da Obama
Veniamo all’Italia. Oggi, a fronte dell’aumento ingiustificato dall’incremento dell’inflazione delle tariffe autostradali’ si scopre che i contratti di concessione pubblica a privati sono…..segreti. E di stato.

Vedremo.
L’anno e’ appena cominciato.

Un commento a 2018: che inizio…..di Giancarlo Santalmassi

  1. danielsun 4 gennaio 2018 at 10:37 #

    sull’onda della terribile disgrazia di farci pagare il sacchettino della verdura e gli aumenti vari di servizi necessari ,ci infervoriamo in rete, chiediamoci: mala vera disgrazia sono gli aumenti o i costi effettivi dei servizi, completamente fuori controllo….o meglio, sviste sulle quali il nostro sharkstate guadagna tasse in più concedendo ,con piangistero generale,l’inconcedibile. continua il massacro economico delle famiglie….aumenta l’odio ed la disaffezione soprattutto tra i già demotivati giovani, il 4 marzo, credo che ne vedremo delle belle……non potranno dare la colpa a nessuno…..!

Lascia un commento

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.