Su Cesare Battisti è stato battuto un colpo. Insufficiente, ma almeno quello – di Giancarlo Santalmassi

(ANSA) – ROMA, 5 DIC – La giustizia brasiliana ha ordinato l’applicazione del braccialetto elettronico a Cesare Battisti, nell’ambito del procedimento che lo vede accusato di evasione fiscale.
L’ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac), condannato in Italia all’ergastolo per quattro omicidi, a inizio ottobre era stato arrestato alla frontiera tra Brasile e Bolivia durante un blitz in cui gli è stato contestato il tentativo di esportare illegalmente denaro all’estero. Il processo a Battisti si trova attualmente in una fase di stallo, dopo che lo scorso 24 ottobre la Corte suprema brasiliana che avrebbe dovuto pronunciarsi sulla richiesta di ‘habeas corpus’ presentata dai legali dell’ex terrorista per scongiurare l’estradizione in Italia ha rinviato la decisione per un difetto di procedura all’ultimo minuto. E non ha ancora stabilito la data per una nuova udienza.

Un commento a Su Cesare Battisti è stato battuto un colpo. Insufficiente, ma almeno quello – di Giancarlo Santalmassi

  1. andrea dolci 5 dicembre 2017 at 22:43 #

    Battisti come Al Capone incastrato per evasione fiscale. Perfetta nemesi, in fondo parliamo di un farabutto che ha iniziato la professione come criminale comune e che poi ha cercato di darsi un po’ di dignità spacciandosi per combattente politico.

Lascia un commento

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.