Vogliamo finirla con l’ipocrisia? Renzi, pur in treno, e’ sempre lui – di Giancarlo Santalmassi

Che peccato. Così giovane e cosi convenzionale nelle sue debolezze, ipocrisie.
Riepilogo: ieri, il PD ha varato una mozione contro il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco. Pare che il PD lo abbia fatto all’insaputa del governo e di Gentiloni in particolare. Il voto è arrivato a sorpresa, fanno sapere i vertici della Banca centrale: né loro, né gran parte dei deputati, né il governo sapevano della mozione contro Visco. Al di là di una analisi sull’operato di Visco può uno (Renzi) che porta il peso di stretti collaboratori di partito (babbo Boschi e la banca Etruria) invischiati nel problema ed è segretario del PD rispondere “Non ho un ruolo in questa vicenda”?

3 Commenti a Vogliamo finirla con l’ipocrisia? Renzi, pur in treno, e’ sempre lui – di Giancarlo Santalmassi

  1. Andrea Dolci 18 ottobre 2017 at 10:55 #

    Non che non può ma questo è Renzi, coperto dall’ipocrisia del main stream mediatico ( W i blogger ndr.).

  2. andrea dolci 18 ottobre 2017 at 16:28 #

    In meno di sette giorni abbiamo avuto il Governo che si è occupato di materia prettamente parlamentare mettendo la fiducia sulla legge elettorale e il Parlamento che si è impicciato di materia prettamente governativa approvando un OdG sulla nomina de Governatore della Banca d’Italia.
    Non so se Renzi abbia idea della differenza che passa tra un capoclasse ed uno statista ma io inizio a rimpiangere quando il massimo della “deviazione istituzionale” erano le interpellanze sulla staffetta Mazzola/Rivera.

  3. claudio.oriente 20 ottobre 2017 at 11:19 #

    C’è la mano del clan Boschi-Renzi!

    Distinti saluti

Lascia un commento

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.