La Fedeli? Un ministro da lodare due, anzi tre volte – di Giancarlo Santalmassi

Dopo tanti sfottò al ministro Fedeli (per la scivolata nel suo curriculum sul titolo di studio, le ‘traccie’, la laurea (che non ha, vero Oscar Giannino?) è ora di dirle BRAVA tre volte.
Primo: per aver ribadito che a scuola senza vaccinarsi non si entra.
Secondo: per aver fatto un gesto distensivo ammettendo a scuola chi vaccinato non è ma col genitore che autocertifica l’intenzione di vaccinare i bimbi quanto prima.
Terzo: per aver ammesso in classe i telefonini. Tanto, piuttosto che ridurmi a subirli sotto il banco, meglio offrire ai professori più bravi l’opportunità di insegnarne l’uso e soprattutto l’uso corretto.

Un commento a La Fedeli? Un ministro da lodare due, anzi tre volte – di Giancarlo Santalmassi

  1. Filomena 16 settembre 2017 at 23:43 #

    Sono d’accordo sui primi due punti; sul terzo no perché compito della scuola non è insegnare ad usare il cellulare, ma altro; eventualmente sarei d’accordo ad una didattica in classe con tablet forniti dalla scuola, disabilitati alla connessione con certi siti, e non con i cellulari personali difficilmente controllabili; in ogni caso si tratterebbe solo di uno strumento, il sapere che i docenti insegnano va ben oltre il tablet o altro…

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.