Come ingarbugliare una cosa risolta come il fascismo – di Giancarlo Santalmassi

Anche quest’anno è passato l’8 settembre. Per i fascisti è una data tragica: è il giorno dell’armistizio del “traditore” Badoglio che nel ’43 dichiara la cessazione delle ostilità tra l’Italia e gli Alleati. Cioè non solo la fine della guerra, ma anche del Ventennio e di Mussolini.
Insomma una questione più che risolta. Eppure ogni volta ci sono bande (sempre più sottili e sparute per la verità) pensano a dei revival. Addirittura delle nuove marce su Roma (dimenticando perfino che Mussolini a Roma vi arrivò in vagone letto!). Casapound voleva marciare, e invece di vietarlo, opportunamente glie lo hanno lasciato fare, così si sono potuti contare su poche dita. Forza Nuova (altro zero virgola) nemmeno ci ha provato.
La Camera dei deputati ha dato il primo via libera alla «legge Fiano», che prevede l’introduzione dell’articolo 293-bis del codice penale che punisce «chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista (aggiungendoci ‘o del partito nazionalsocialista tedesco’) pena la reclusione da sei mesi a due anni.
Sufficiente? No. Laura Boldrini ed Emanuele Fiano hanno anche chiesto che la scritta Mussolini venisse scalpellata via dall’obelisco del Foro Italico.
Ma non bastava il divieto di ricostituzione del disciolto partito fascista contenuto nella Costituzione Italiana?

2 Commenti a Come ingarbugliare una cosa risolta come il fascismo – di Giancarlo Santalmassi

  1. Gianluca 16 settembre 2017 at 11:38 #

    Uno degli aspetti migliori della fine di questa legislatura è l’oblio in cui piomberà la presidenta Boldrini una volta che ci avrà finalmente liberato della sua stupidità.

  2. Clarissa Lombardi 16 settembre 2017 at 12:50 #

    Felice di rileggerla! C’era già la Legge Scelba, se non erro ancora in vigore. E quando si proibisce la vooglua di disobbedire diventa irrefrenabile. Clarissa da Prato.

Lascia un commento

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.