E’ nero lo scudiero di Elisabetta. A quando un africano all’intendenza del Quirinale? – di Paola De Carolis

È arrivato dal Ghana nel 1982 assieme ai genitori. Oggi è al fianco di Elisabetta. Nana Kofi Twumasi-Ankrah diventa il primo scudiero nero della regina.
Curriculum impeccabile
Si tratta di un ruolo di grande prestigio e fiducia, ricoperto ai tempi da Mark Townsend, l’uomo del quale la principessa Margaret si innamorò. Il ritiro del principe Filippo dalla vita pubblica significa che Twumasi-Ankrah sarà spesso l’uomo al fianco della sovrana durante gli impegni ufficiali. Maggiore della cavalleria di corte, il militare ha un curriculum impeccabile. Si è laureato presso la Queen Mary University di Londra prima di frequentare l’accademia di Sandhurst, ha scortato a cavallo William e Kate in occasione del loro matrimonio nel 2011 e lo stesso anno ha comandato le manovre equestri per la parata in onore del compleanno di Sua Maestà.
Scelto dalla Regina
Secondo il Sunday Times, Twumasi-Ankrah è stato scelto personalmente da Elisabetta per un incarico che gli darà grande visibilità e che, sicuramente, contribuirà a eliminare le accuse di razzismo che di tanto in tanto coinvolgono i Windsor: nel 2001, ad esempio, Elizabeth Burgess, ex segretaria del principe di Galles a Highgrove, fece causa ai reali sostenendo di essere stata licenziata senza giusta causa e di essere stata più volte vittima di discriminazione per via del colore della sua pelle. Il nuovo scudiero di Elisabetta, che assumerà il ruolo prima della fine dell’anno, è sposato, ha due figlie e abita a Londra. Si era appassionato alle guardie a cavallo dei Windsor guardando le cerimonie in televisione da piccolo. «Mai avrei immaginato che un giorno avrei comandato il reggimento del quale mi ero innamorato’», ha detto.

Corriere della sera

Commenti chiusi.
I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.