L’Argentina emette titoli a cento anni – di Gianmarco Mensi

 

L’Argentina ha appena annunciato che è in procinto di emettere titoli in dollari a 100 anni. Considerando che come debitori i cugini sudamericani hanno un passato non esattamente immacolato, c’è da chiedersi perché il Tesoro italiano continui a trascurare l’emissione di bond centenari, o comunque più lunghi delle scadenze canoniche. Ora che anche il Ministro Padoan ha ammesso che in un futuro non troppo lontano la Bce potrebbe cessare il quantitative easing, questo straordinario periodo potrebbe essere rimpianto non solo per il livello molto basso dei tassi d’interessi ma anche per aver mancato l’opportunità, più unica che rara, di ridurre considerevolmente il rischio liquidità del debitore sovrano Italia allungando in modo sostanziale la scadenza media del debito, inferiore ai sette anni e rimasta a livelli paragonabili al periodo antecedente gli acquisti dell’Eurosistema varati dal Presidente Draghi.

Nessuno ha ancora commentato questo post.

Lascia un commento

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.