Chi di Grillo ferisce di Grillo perisce. L’editoriale di Giancarlo Santalmassi

Le amministrative di ieri, definite non importanti, di valore solamente localistico, una cosa importante l’hanno detta: la democrazia e’ una piantina debole ma resistente. Come paradigma scelgo il risultato di Genova. Perché e’ la citta di Grillo e del grillismo. E delle sue letali contraddizioni. La rete aveva candidato la Kassimatis. E Grillo aveva detto no, preferendo un altro nome, tale Pirondini. E che succede? Che Pirondini perde. E all’interno del movimento qualche giovane preparato comincia a pensare fino a che punto e’ lecito predicare bene e razzolare male. Si può dire “uno vale uno solo finche’ sta bene a me?” No e’ la risposta data ieri da 10 milioni di elettori.

3 Commenti a Chi di Grillo ferisce di Grillo perisce. L’editoriale di Giancarlo Santalmassi

  1. andrea dolci 12 giugno 2017 at 13:11 #

    Reputando sin dall’ìnizio il M5S un pericoloso bubbone in salsa fascista vorrei che quella di ieri fosse una vera batosta ma una riflessione più profonda mi porta ad avere qualche dubbio sulla significatività del voto amministrativo. In sintesi credo che il calo del M5S sia unicamente dovuto alla concomitanza di due fattori. Prima di tutto su scala locale tende a venire meno il voto di protesta perchè poco utile (a parte casi estremi come Roma) e questo spiegherebbe anche l’aumento dell’astesione. Poi il voto locale è fortemente influenzato dalle persone candidate e qui il M5S è palesemente carente essendo totalmente privo di una classe dirigente decente.
    Se vogliamo l’unica vera novità positiva è che anche il M5S sta iniziando a conoscere le difficoltà delle conflittualità interne e delle personalizzazioni.

  2. Bull 12 giugno 2017 at 20:45 #

    A me non pare proprio che quello del 5 stelle sia un calo. E’ vero, in alcune grandi città hanno gestito male, per inesperienza, alcune situazioni, ma andate a vedre bene i dati, e scoprirete quanti voti hanno preso in città dove era la prima volta che si presentavano. E vi ricordo che il sistema elettorale delle comunali premia gli apparentamenti, cosa che i 5 stelle non fanno. Secondo me state leggendo molto, ma molto male i dati….

  3. Michele R. 14 giugno 2017 at 14:46 #

    Buongiorno,
    Solo per dire che condivido lo stesso punto di vista di Bull, anche se devo dire che nel M5S in quanto a cazzate, molte delle quali sono montate ad arte dai media, non si risparmiano nulla. A cominciare da Pizzarotti…

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.