Social, rete e lacrime di coccodrillo – di Stefano Balassone

 

Evan Williams (oggi su tutti i giornali) e Zuckerberg (tre mesi fa), rispettivamente padri di Twitter e Facebook, si dicono preoccupati perché gli odiatori compulsivi, i terroristi esplosivi, gli allevatori di bufale e i vari mungitori di click abusano delle loro creature socializzanti al punto da renderle repellenti agli stessi occhi dei genitori. E gli inventori sono i primi a non veder rimedio, al punto che Zuckerberg ha sparato la assunzione di 3.000 (tremila) controllori per individuare e fulminare i contenuti sconvenienti. Iniziativa bufalesca in se stessa, come l’idea di arrestare uno tsunami con poveracci che ne ingurgitino le onde.
Lacrime di bufala a parte, l’irruzione dell’”eccesso” nella comunicazione non è cosa nuova se appena si rammenta l’apparizione della stampa, del romanzo popolare, dei giornaloni e giornalacci, del rotocalco, del cinemone e cinemaccio, della tv-progetto e della tv-profitto. Certo, in tutti questi casi c’è da fare i conti col gate keeper, l’editore che controlla l’accesso alla comunicazione in base al proprio ordine mentale ed economico (“questo è servizio pubblico e questo no”; “questo serve alla pubblicità e questo no” e via decidendo). Un principio d’ordine talmente forte che quando (in Italia alla fine degli anni ’70) uno stuolo di utili idioti pensò di fregarlo con le “tv libere”, l’economia riportò in quattro e quattr’otto quell’ondata libertaria nell’alveo di un duopolio.
Ma la novità nel caso dei social è che il gate keeper non ha idee ordinatrici perché è il traffico di per sé che attira la pubblicità e i suoi soldi. Agli occhi degli Zuckerberg gli ardori, gli orrori e le pure scemenze sono indistinguibili, purché cliccabili. Così il gate keeping non è editoriale, ma solo tecnico e commerciale.
Da qui l’inedita alleanza fra caos e bilancio, due gambe capaci di camminare a lungo. Non solo: anche gli Stati che oggi si mostrano corrucciati dalla selvatichezza del fenomeno, a partire dall’istante –prossimo- in cui riusciranno a estrarne adeguate tasse, ne diventeranno cointeressati a tutti gli effetti. E ciò è talmente razionale e insuperabile che già ridiamo dei codici deontologici e delle proposte di legge chiacchierine volti a mettere le mutande ai social.
Quanto a civilizzarli non sarà cosa breve perché si tratta non di infilarci pezzi di qualità, visto che ce n’è già un’enormità, di cui ampiamente approfittiamo. Il punto starebbe piuttosto nel dominare le strutture espressive dei social, metabolizzarle e riuscire a stravolgerle rispetto all’attuale ipnosi da miracolo tecnologico (come fu per cinema, radio e tv degli inizi). Vasto programma, avrebbe detto De Gaulle.

,

2 Commenti a Social, rete e lacrime di coccodrillo – di Stefano Balassone

  1. danielsun 23 maggio 2017 at 10:05 #

    seppur grandi aiuti per i terroristi sono grandi divisori di masse che non si parlano più. l’altro giorno ero su un treno seduto nello scomparto a 4 posti frontali,tre ragazzini si siedono negli altri tre posti ed invece di parlarsi si mandavano messaggi l’un l’altro e se li ridevano…..per me che c’ero in mezzo situazione al quanto imbarazzante…credo fermamente che comunque una qualche norma di comportamento nell’uso di “quei cosi” ci vorrebbe.

  2. claudio.oriente 29 maggio 2017 at 08:46 #

    È allucinante mandarsi messaggi, l’un l’altro, quando si sta nello stesso luogo. A questo punto dobbiamo parlare di dipendenza da Android.

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.