Davigo dixit

Standing ovation in onore del magistrato Piercamillo Davigo al termine del suo intervento al convegno organizzato a Montecitorio dal M5S sulla giustizia. L’intervento di Davigo è stato più volte interrotto dagli applausi, soprattutto quando l’ex toga di Mani Pulite ha stigmatizzato l’assenza di politiche per combattere la corruzione da parte del Parlamento.

“Centrodestra e centrosinistra – ha detto in un passaggio del suo intervento – si sono sempre dati da fare non per contrastare la corruzione ma per contrastare le indagini sulla corruzione. Con una fondamentale differenza: il centrodestra le ha fatte così grosse e così male che di solito non han funzionato. Invece il centrosinistra le ha fatte mirate e ci ha messo se non in ginocchio almeno genuflessi”.

Davigo ha fatto “un esempio per tutti” ed ha ricordato che il sistema per cui “più facilmente” le imprese creano fondi in nero e quindi ‘mazzette’ “è la notazione di fatture per operazioni inesistenti”. Una “volta era un reato” poi “nel 2000 la maggioranza di centrosinistra lo ha cambiato” aumentando la pena “purché riverberi sulla dichiarazione dei redditi oltre un certa soglia: in sostanza – ha ironizzato – hanno introdotto la modica quantità per le falsità contabili”. Per Davigo “basta scrivere in bilancio costi non deducibili e uno porta in bilancio tutto quello che vuole, prosciugando però le possibilità di indagine”.

“Ho dato dimostrazione nella vita che non sono interessato alla politica ma ai politici che rubano. E ritengo che i magistrati non siano capaci di fare politica, sono abituati alle guarentigie che li riparano dalle opinioni ma per questo,non sono capaci di gestire il consenso”, ha detto Davigo nel suo intervento. “Ministro della giustizia? Intanto Davigo non lo farà e poi non capisco perché tutti lo vogliono fare visto che non dovrebbe contare niente perché è ministro senza portafoglio e che non dovrebbe spostare o nominare nessuno” afferma il magistrato . In disaccordo con lui la platea: alla domanda se intendesse impegnarsi in politica la sala si è espressa con un corale: “magari”.

Ansa

,

4 Commenti a Davigo dixit

  1. Michele R. 5 giugno 2017 at 17:29 #

    Sono anni che, inascoltato, dice sempre le stesse, condivisibili, cose.
    Bisognerebbe fargli un un monumento.

    • andrea dolci 5 giugno 2017 at 17:55 #

      Io andrei cauto nel fare un monimento ad uno che considera qualsiasi sentenza di assoluzione una violenza nei confronti del PM perché non esistono imputati innocenti.
      Io un monimento lo farei e grande come il Duomo di Milano, ma a Colombo.

  2. Michele R. 5 giugno 2017 at 22:01 #

    Non ci vada affatto cauto:
    I mali della giustizia sono in chi fa regole e leggi astruse. Provate ad indovinare chi e perché…
    Concordo con lei su Colombo.

    MR

    PS tra guardie e ladri, pur consapevole dei limiti di ogni uomo, mi schiero sempre con i primi.111

    • andrea dolci 5 giugno 2017 at 23:42 #

      Io mi schiero con lo Stato di Diritto e già qui so di non stare sulla stessa barca di Davigo.

I diritti d'autore appartengono alle rispettive firme. Santalmassiaschienadritta.it è uno spazio aperto a disposizione dei lettori.
La qualità del sito dipende anche dalla vostra collaborazione. Sappiate che inserendo dei commenti dovrete seguire le regole del sito e sarete gli unici responsabili di quel contenuto e delle sue sorti.